Di seguito l’articolo comparso sul quotidiano on line  lavocedibolzano.it

Dal 9 al 25 maggio 2019 si terrà a Bressanone la terza edizione del Water Light Festival. Artisti della luce locali e internazionali trasformeranno tutti i punti d’acqua di Bressanone in luoghi luminosi e magici, grazie alle loro idee creative ed a speciali installazioni. Tutti i giorni dalle ore 21.00 alle ore 24.00 artisti da tutto il mondo reinterpretano e valorizzano i tesori culturali della città di Bressanone con installazioni di luci e arte. Acqua come vita e luce come arte – Questa connessione, a prima vista insignificante, crea attimi di luce e di vita unici e indimenticabili durante il Festival di Acqua e Luce. La Giornata mondiale dell’acqua celebrata il 22 marzo è stata un evento internazionale e un’opportunità per saperne di più su temi legati all’acqua, per informare gli altri e prendere provvedimenti per fare la differenza. Il Comune, l’Azienda Servizi Municipalizzati di Bressanone, Utilitalia, così come BrixenCultur e la Bressanone Turismo Cooperativa approfondiscono a vari livelli il tema dell’acqua sia con il Water Light Festival sia con il Festival dell’Acqua. L’acqua è un elemento fondamentale della città di Bressanone e della Plose: la città si trova alla confluenza di Isarco e Rienza, ha un elevato numero di fontane di acqua potabile (34) e ad un’altitudine di 1.870 metri sgorga una delle acque minerali più leggere d’Europa. Analizzando il problema su scala globale, sta emergendo uno scenario preoccupante. La disponibilità e la qualità dell’acqua stanno cambiando drasticamente a causa della crescita demografica, del cambiamento climatico e del mutare dei modelli di consumo e ciò sta diventando una delle più grandi sfide dell’umanità. Più di due miliardi di persone in tutto il mondo non hanno accesso permanente all’acqua potabile pulita. Particolarmente colpite e svantaggiate già diverse popolazioni, come dimostra il nuovo rapporto mondiale sulle acque dell’ONU (19.03.2019). Alcuni dei temi sopraelencati saranno approfonditi durante il Festival di Acqua e Luce. Ad esempio, il video-racconto interattivo Watertracks dell’artista Dominik Rinnhofer si occupa del tema dell’approvvigionamento idrico. L’opera mostra le donne di Butare, in Ruanda, che per avere dell’acqua potabile fresca devono percorrere a piedi fino ad 8 chilometri. Durante il Festival di Acqua e Luce il video verrà proiettato sulla superficie dell’acqua di un bacino e si rifletterà sulla facciata di una casa. I visitatori potranno attingere acqua dalla vicina fontana e lasciarla poi fluire nel bacino idrico. Muovendo l’acqua, l’immagine proiettata sarà influenzata, luce e acqua interagiranno, e il Ruanda e Bressanone si mischieranno sulla parete della casa. Sotto il motto “L’acqua è vita – La luce è arte“, il Water Light Festival metterà in luce per 17 giorni i vari tesori culturali e naturali di Bressanone e la città episcopale sarà avvolta da una bella e magica atmosfera. Ulteriori informazioni: www.brixen.org/waterlight

error