Acea partecipa al Festival dell’Acqua come primo operatore idrico nazionale, con oltre 8,5 milioni di abitanti serviti nel Paese, un know how nella gestione delle reti idriche a Roma, nel Lazio, in Umbria, Toscana e Campania. Il Gruppo ricopre, pertanto, un ruolo di riferimento nel settore per l’intero Paese. Solo a Roma e Provincia, attraverso la sua controllata Ato2, la Società   gestisce il servizio idrico integrato dell’Ambito territoriale ottimale n. 2, che comprende il Lazio centrale – Roma, con circa 3. 6 milioni di  abitanti serviti in 76 comuni.

La rete idrica e gli acquedotti hanno una lunghezza complessiva di 12.100 chilometri e  la rete di Roma, storicamente gestita, è pari a 6.189.6 km di condotte per la distribuzione e derivazione all’utenza. La rete fognaria, ancora, si estende per oltre 7.000 chilometri: gli impianti di sollevamento fognario sono 489 e i depuratori 173. L’acqua potabile immessa in rete è pari a 598,7 Mm3/anno.

Acea Ato 2 si occupa di tutte le fasi del ciclo tecnologico dell’acqua, dalla captazione al trasporto, dalla distribuzione alla raccolta e alla depurazione, come dello sviluppo di reti e servizi, attuando il Piano d’Ambito approvato dall’Assemblea dei Sindaci e pianificando e realizzando gli investimenti e sperimentando soluzioni tecnologiche innovative. Tra le molteplici attività Acea si occupa anche del funzionamento e della manutenzione delle principali fontane artistiche di Roma come delle fontanelle pubbliche, gli oltre 2.500 Nasoni e, secondo il recente Piano d’installazione delle “Case dell’Acqua”, moderni nasoni hi-tech, la società ne installerà in numero di 100 entro il 2016 tra la città di Roma e la sua Provincia, anche  in concomitanza con il Giubileo.

Con la nuova fase Acea 2.0, che comporta nuovi investimenti tesi al miglioramento della qualità degli interventi delle squadre del gruppo e al raggiungimento di migliori livelli di efficienza nel servizio erogato, la società sarà in grado di gestire digitalmente ogni fase lavorativa dei 43.000 interventi che realizza ogni anno sul territorio romano e laziale, riducendo di circa 1/3 i tempi di lavoro e di servizi forniti.

Il Gruppo Acea

Acea è una delle principali multiutility italiane. Quotata in Borsa nel 1999, è attiva nella gestione e nello sviluppo di reti e servizi nei business dell’acqua, dell’energia e dell’ambiente.

E’ il primo operatore nazionale nel settore idrico e tra i maggiori player italiani nella distribuzione e vendita di elettricità e nel settore ambientale.Il Piano Industriale prevede un programma di investimenti nel periodo 2012-2016 pari a 2,3 miliardi di euro concentrati, per circa il 70%, nelle attività regolamentate dell’idrico e della distribuzione elettrica.

Tra le principali attività svolte: servizio idrico integrato (acquedotto, fognatura e depurazione), produzione di energia, in particolare da fonti rinnovabili, vendita e distribuzione di elettricità, illuminazione pubblica e artistica, smaltimento e valorizzazione energetica dei rifiuti.

L’acqua, l’energia e l’ambiente sono elementi fondamentali per Acea.

Il Gruppo segue, da sempre, il tema della responsabilità sociale d’impresa, dedicando particolare attenzione a tutti gli stakeholder, alla redditività, alla qualità dei servizi e allo sviluppo sostenibile.

Redditività, qualità e sostenibilità che insieme a innovazione, sviluppo, centralità del cliente, efficienza operativa e organizzativa sono i valori portanti dell’agire quotidiano dell’Azienda. Valori che si traducono in un impegno costante e in continua crescita.

Acea, in Italia, è:

– il primo operatore nei servizi idrici con circa 8.5 milioni di abitanti serviti;

– terzo operatore nella distribuzione di elettricità con circa 10 TWh di elettricità distribuita nella città di Roma;

– tra i primi player nel mercato dell’energia con circa 11 TWh di elettricità venduta;

– il quinto operatore per il trattamento dei rifiuti con la gestione di 774.000 tonnellate l’anno.

Il Gruppo Acea conta oltre 7.000 dipendenti. Gli investimenti del Gruppo al 31.12.2014 sono stati 318.6 milioni di euro.

error