Da qualche tempo la parola “nuvola” ha un nuovo significato, : è la nuvola del cloud, tecnologia che ha consentito a Schneider Electric e Microsoft – da tempo partner nella creazione di nuovi modi di connettere persone, dati e processi a favore delle imprese – di inventare una soluzione che permette agli agricoltori di gestire i sistemi di irrigazione da remoto e in mobilità, dai loro telefoni cellulari.
E’ una innovazione che nasce dall’unione fra le tecnologie e i software Schneider Electric e la piattaforma di servizi per il cloud e l’internet delle cose Microsoft Azure. Grazie ad essa, gli agricoltori possono stabilire e modificare l’irrigazione in base al tipo di suolo, al tipo di raccolto, alle condizioni del tempo; e possono anche risparmiare sui consumi elettrici, usando le pompe in modo più efficiente.
Il caso di WaterForce ( una delle principali aziende neozelandesi che si occupa di soluzioni per l’irrigazione e la gestione idrica, cliente di Schneider Electric) dimostra che guardare all’irrigazione in termini di facilità, di disponibilità, comodità non basta: bisogna guardare anche alla sostenibilità. Controllare l’utilizzo dell’acqua e il funzionamento delle pompe in modo più accurato è essenziale per un’ agricoltura sostenibile e per la conservazione delle risorse idriche. E oggi si può farlo, dando letteralmente in mano ai coltivatori uno strumento di controllo digitale semplice e allo stesso potente.
Per i dettagli guarda il link

error