Governance e investimenti nel servizio idrico

L’acqua in Italia è distribuita a tutti i cittadini attraverso le gestioni in concessione previste dalla Legge (Codice Ambiente, D.lgs 152/2006). Il servizio idrico integrato è costituito dall’insieme “dei servizi pubblici di captazione, adduzione e distribuzione di acqua ad usi civili, di fognatura e di depurazione delle acque reflue, e deve essere gestito secondo principi di efficienza, efficacia ed economicità, nel rispetto delle norme nazionali e comunitarie”.

La legge prevede che l’affidamento del servizio sia svolto da parte dell’Autorità d’Ambito Territoriale Ottimale (Ato, l’Assemblea dei sindaci) secondo le norme europee: gara pubblica, affidamento a società mista o a società pubblica, lasciando la facoltà della scelta agli enti locali (Ato).

Il servizio idrico in Italia può contare – dopo anni di attesa e incertezza normativa – su una regolazione nazionale, secondo i principi Ue della “copertura integrale dei costi” e “chi inquina paga”.

Il Legislatore (Dl. 201/2011) è infatti intervenuto attribuendo ad una Autorità nazionale (l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico, Aeegsi) le funzioni di regolazione e controllo nei servizi idrici e di determinazione dei criteri per le tariffe, validi finalmente su tutto il territorio nazionale.

La nuova tariffa ha determinato l’applicazione anche in Italia del principio della copertura integrale dei costi (full cost recovery): la tariffa, cioè, coprirà i costi di produzione, di esercizio e di finanziamento del servizio idrico.

La sfida sottesa a questo nuovo sistema di determinazione delle tariffe elaborato da Aeegsi è che possa sostenere l’ingente fabbisogno di investimenti del comparto idrico (65 mld nei prossimi 30 anni). Attualmente (dati 2012), l’ammontare degli investimenti nel servizio idrico è pari a 1,3 mld. Utilitalia ha calcolato che il fabbisogno per investimenti si ponga tra i 4,5 e i 5,5 mld all’anno. Nel dettaglio, ammonta ad 1 mld/anno il fabbisogno per recuperare il gap infrastrutturale in tema di depurazione dei reflui urbani (Dir. 91/271); tra i 2,5 e i 3,5 mld/anno il fabbisogno per il rimpiazzo delle opere e la manutenzione straordinaria; 1 mld/anno per il raggiungimento dello stato ecologico buono dei corpi idrici superficiali (Dir. 2000/60).

Dal consuntivo degli investimenti (2012) calcolato dalla federazione, si è arrivati alla cifra di 34 euro/abitante/anno per gli investimenti realizzati. La stima del fabbisogno, invece, porterebbe un incremento a circa 80 euro/abitante/anno, in linea con i Paesi Ocse.

Articoli

Morando ” Stabilizzata la finanza pubblica, abbiamo avanzo primario da utilizzare in investimenti idrici “

“L’acqua non è e non può essere un bene privato. Lo dice il codice civile in modo chiaro. Le acque naturali sono un bene demaniale e [..]
Video

Acqua ed Energia, Carbone (Aeegsi): “Uno dei pilastri del nuovo periodo regolatorio”

L’energia come elemento di costo ma anche strumento di efficientamento. Questa la sintesi di Luigi Carbone, componente dell’Aeegsi, intervenuto stamane al Festival dell’Acqua nell’ambito [..]

IN ITALIA L’ACQUA VA IN SALITA

Dal “Rapporto Generale sulle Acque: obiettivo 2020”, presentato da UTILITALIA, luci e ombre sul sistema idrico. Molto da fare su depurazione e dissesto idrogeologico, ma ci sono segnali [..]

Bortoni, il ruolo della regolazione nella promozione degli investimenti e dello sviluppo

Guido Bortoni, presidente dell’Aeegsi, al Festival dell’Acqua sul ruolo della regolazione nella promozione di investimenti e sviluppo delle imprese di servizi operanti a rete. Bortoni ha [..]
Video

Investimenti e aggregazioni per gli ad e presidenti delle utility italiane

Smat, Iren, Cap, A2A, MM, Acea, Aqp e Veolia. Gli ad delle principali utility italiane hanno idee chiare su aggregazioni e investimenti nel settore idrico, a partire dalle [..]

Acqua e bene comune o bene del Comune? Economia e governance

Si chiuderà con l’intervento del Vice Ministro dell’Economia Enrico Morando il ricco caledario di appuntamenti del Festival dell’Acqua di MIlano. Negli ultimi [..]

Tomasetti ” Aggregazioni per realizzare investimenti e solidarietà territoriale”

“Aggregazioni ? Si tratta di un obiettivo perseguito da decenni dal mondo dei servizi pubblici: anche la Legge Galli del 1994 (prima legge quadro dei servizi idrici) prevedeva [..]
Video    Allegato

Rapporto Generale sulle Acque, Utilitalia presenta stato della risorsa idrica

L’evoluzione del dibattito a livello sia nazionale che internazionale relativo alla risorsa idrica ha visto il progressivo consolidarsi di un importante principio: l’acqua è troppo importante, troppo [..]

Acqua, investimenti e sviluppo delle imprese

Iniziativa centrale del Festival dedicata ai temi di attualità per le imprese idriche, energetiche e ambientali, con De Vincenti, Morando e Valotti. Si farà il punto sui processi [..]

La politica dell’Acqua in Europa

L’Europa dell’Acqua si riunisce a Milano. Lo scenario europeo è certamente fra i più evoluti in quanto a livello tecnologico, ricchezza delle forme istituzionali che vi operano [..]

Comunicato Stampa

Rassegna Stampa

Partner

Sponsor

Sostenitori