“Le forme dell’acqua”: decolla il premio per l’arte contemporanea di Acquedotto del Fiora, Comune di Grosseto e Comune di Siena.

Il concorso è aperto ad artisti, designer, architetti, grafici, creativi, artigiani-artisti, orafi, italiani e stranieri, siano essi emergenti o professionisti, senza distinzioni di sesso o altra qualificazione, che al momento della data di scadenza del bando abbiano compiuto il diciottesimo anno d’età. Ogni artista può partecipare con più progetti. L’estrema libertà stilistica, tecnica ed espressiva è ammessa e benvoluta, così come le contaminazioni, le tecniche miste, sperimentali, l’arte digitale, la computer grafica e così via, su qualsiasi tipo di supporto, a discrezione dell’artista, purché attinente e funzionale all’interpretazione e rappresentazione del tema. Ai partecipanti si richiede la presentazione di un progetto unico o unico portfolio composto da un minimo di 3 ad un massimo di 5 opere facenti parte dello stesso lavoro.

I progetti che avranno superato la prima selezione, saranno invitati ad esporre nei suggestivi locali del Granaio Lorenese, nel cuore del Parco regionale dell’Uccellina, location che ospiterà la mostra dei finalisti.

Per partecipare al bando – consultabile sul sito www.premiofiora.it – c’è tempo fino al 15 maggio 2019. Una giuria di qualità selezionerà, sulla base delle immagini fotografiche inviate dagli artisti in fase d’iscrizione, 100 progetti finalisti che saranno esposti nel corso di una grande mostra collettiva nella città di Grosseto nel prossimo giugno.

Per favorire l’ingresso degli artisti vincitori nel mercato dell’arte, infine, Acquedotto del Fiora Spa ha deciso di acquisire le opere vincitrici – investendo un budget complessivo fino a 5 mila euro – per gettare le fondamenta della collezione corporate di arte contemporanea di Acquedotto del Fiora Spa.

error