In attesa del Festival dell’Acqua, le aziende aderenti ad Utilitalia si rendono protagoniste al Festival dello sviluppo sostenibile.
Dieci gli appuntamenti organizzati da A2a, Acea, Estra, Hera e Iren. E’ questo il modo in cui le aziende partecipano al primo Festival dello sviluppo sostenibile, promosso da ASviS (Alleanza per lo sviluppo sostenibile) che si aprirà a Napoli il 22 maggio e dopo aver toccato tutta Italia si chiuderà a Roma il 7 giugno. Tra gli oltre 200 eventi del Festival ce ne sono infatti 10 a cura delle aziende associate ad Utilitalia. A2A, Acea, Estra, Hera e Iren organizzano incontri, eventi aperti al pubblico e concentrati su studenti, famiglie e cittadini.
“Un impegno che conferma percorso di costante affiancamento dei servizi pubblici locali alle tematiche di sviluppo del territorio – spiegano dalla sede di Utilitalia -. Le iniziative hanno tutte l’obiettivo di far crescere la cultura dello sviluppo sostenibile sul piano economico, sociale, ambientale e istituzionale”.
Tra gli argomenti al centro del Festival dello sviluppo sostenibile ( www.asvis.it) il tema su come garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igienico-sanitarie.
Di fatto l’Italia è pressoché già in linea con i target 6.1 (accesso universale all’acqua potabile) e 6.2 (accesso universale ai servizi igienici). Dall’ultimo censimento delle acque (2012) risulta che solo lo 0,2% della popolazione non è servita da una rete idrica, ma attinge comunque acqua da pozzi privati.

error