“Aggregazioni ? Si tratta di un obiettivo perseguito da decenni dal mondo dei servizi pubblici: anche la Legge Galli del 1994 (prima legge quadro dei servizi idrici) prevedeva e incoraggiava le gestioni d’ambito, con l’obiettivo di favorire efficienza ed economicitá – ha sottolineato oggi Catia Tomasetti, vice presidente di Utilitalia e presidente di Acea, intervenendo al Festival dell’Acqua -. Le aggregazioni, a livello d’ambito o addirittura superiore, realizzano anche un obiettivo di solidarietá, perché consentono gli investimenti anche nei territori piú arretrati o scarsamente infrastrutturati”.
Sul tema degli investimenti, Tomasetti ha sottolineato quanto emerge dalle rilevazioni economico – statistiche.
” Sono i gestori d’ambito (ovvero o più grandi) quelli che riescono ad investire di più – ha spiegato all’evento centrale del Festival di fronte ad una platea di centinaia di operatori del settore -. Certamente non possiamo ritardare gli investimenti, ritardare l’innovazione, dobbiamo creare posti di lavoro”.
error